DIARIO DI GRAZIA.IT

ABOUT

Un diario collettivo dove la nostra famiglia di blogger, collaboratori e il network internazionale di Grazia si raccontano.

TWITTER

CONTRIBUTORS

  • Sara Moschini

  • chiara da col

  • Gabriele Verratti

  • Barbara Sallustio

  • Francesca Crippa

  • Sara Reverberi

  • Daniela Losini

  • Michela Marra

  • Grazia.it

  • Grazia International


POST PIÙ LETTI

ARCHIVIO



  • Berluti a Milano: tappa obbligata del gentleman moderno

  • BY Gabriele Verratti
  • L’apertura della boutique Berluti a Milano nei primi giorni di gennaio è stato il coronamento di un progetto importante e ambizioso. Nei 170 metri quadri di via Sant’Andrea si è voluto creare un club per gentlemen consapevoli nel gusto, innamorati della sartorialità che appaga già solo nel gesto di sfiorare un tessuto pregiato, nostalgici di un classico maschile che sappia interpretare con garbo l’estetica della contemporaneità. Alessandro Sartori, direttore creativo di un marchio per cui il termine lusso è ancora pregno di significato, incarna alla perfezione il prototipo di uomo elegante, impeccabile nella forma, a sua agio nella conversazione con chi gli si rivolge, gentile nei modi e sicuro della propria visione. «Lo store in cui ci troviamo adesso è insieme arrivo e partenza per un mercato a cui teniamo tantissimo. Siamo vicini per vocazione alla clientela italiano sofisticata, che quando acquista vuole farlo sentendosi a casa». Uno spazio che dichiara appunto il suo benvenuto nella preziosità raffinata dell’interior, giocato con materiali evocativi e tattili. «Si entra e si è avvolti dal sentoredelle cere e del cuoio. Non solo marmi per i rivestimenti, ma la pelle stessa delle calzature. Il legno è recuperato dai pali infissi nella laguna di Venezia, unico per le venature che si abbelliscono nel tempo e per la capacità di assorbire fragranze di profumo. Ci sono cornici e libri rari, bottiglie di whisky, quadri e globi decorativi, oggetti d’arte provenienti dal patrimonio della famiglia Berluti. È la nostra idea di ospitalità». La collezione si sfoggia nell’interezza della gamma. Calzature e borse, piccola pelletteria, valigeria  fino all’esotico a tutto l’abbigliamento, con la garanzia di un servizio che soddisfa le più intime esigenze di personalizzazione. «Prendiamo le scarpe del pronto moda. Il 65% del prodotto arriva in negozio completo, ma non rifinito. Sarà il colorista a scegliere in una palette di oltre cento varianti cromatiche quella che meglio si adatta alla richiesta della cliente. In meno di due ore il mocassino o lo stivale dei propri sogni sono pronti per essere recapitati a casa oppure in albergo. Altrimenti si procede alla realizzazione su misura, con il bottier che costruisce la forma in legno individuale. La stessa perizia si ritrova nei nostri sarti, per chi ama indossare un abito cucito addosso». È una dimensione che recupera il piacere di toccare con mano la bellezza nel suo farsi. «Tutto quello che è organico, che rimonta all’archivio, nella pelle e nella struttura della tomaia, nei tessuti che per il pronto moda parlano il linguaggio di una gloriosa tradizione si scoprono però irresistibilmente moderno, aggiornato nella forma e disponibile a vivificare lo stile di oggi».