DIARIO DI GRAZIA.IT

ABOUT

Un diario collettivo dove la nostra famiglia di blogger, collaboratori e il network internazionale di Grazia si raccontano.

TWITTER

CONTRIBUTORS

  • Sara Moschini

  • chiara da col

  • Gabriele Verratti

  • Barbara Sallustio

  • Francesca Crippa

  • Sara Reverberi

  • Daniela Losini

  • Michela Marra

  • Grazia.it

  • Grazia International


POST PIÙ LETTI

ARCHIVIO



  • Scoprite le inedite Paper Dolls di Yves Saint Laurent(datate 1953)

  • BY Gaia De Vecchi
  • A partire da oggi la Fondazione Pierre Bergé- Yves Saint Laurent svela online gli archivi del designer francese, partendo in prima battuta con le Paper Dolls create dal couturier tra il 1953 e il 1955.
    La storia delle Paper Dolls sembra a tutti gli effetti l’inizio di una bella favola: il giovane YSl, deciso a diventare un designer di abiti femminili, armato di carta, forbici e inchiostro ritaglia dalle edizioni di Vogue, Jardin des Modes e Paris Match le silhouette delle sue mannequin preferite e aggiunge abiti da lui disegnati.
    Saint Laurent non tralascia di aggiungere note a margine con indicazioni precise dei fornitori utilizzati: dai tessitori e ricamatori Bianchini-Ferier, Abrahams, Bucol, Hurel, Staron, Brossin de Méré, alle pellicce Révillon et Emba, fino ai bijoux di Scemama, alle scarpe di Perugia e ai guanti de la Maison Alexandrine, specificando anche che le mannequin sono rigorosamente pettinate da Carita e truccate Elizabeth Arden.
    E nel 1955 il direttore di Vogue Muchel de Brunhoff invia gli schizzi del giovane Yves a Christian Dior, che piacevolmente meravigliatoassolda il giovane couturier nel suo Atelier… e il resto è storia.
    Nei prossimi appuntamenti la Fondazione svelerà i bozzetti di moda, i disegni delle sceneggiature, gli eventi e gli inaspettati schizzi comici.© Riproduzione riservata