DIARIO DI GRAZIA.IT

ABOUT

Un diario collettivo dove la nostra famiglia di blogger, collaboratori e il network internazionale di Grazia si raccontano.

TWITTER

CONTRIBUTORS

  • Sara Moschini

  • chiara da col

  • Gabriele Verratti

  • Barbara Sallustio

  • Francesca Crippa

  • Sara Reverberi

  • Daniela Losini

  • Michela Marra

  • Grazia.it

  • Grazia International


POST PIÙ LETTI

ARCHIVIO



  • Venezia 69: tra Selena Gomez e James Franco

  • BY Grazia.it
  • Ragazzine appostate dalle otto del mattino sotto la pioggia, urla, strepiti e piantini. Si ripetono le scene alla Zac Efron per l’arrivo in Laguna di un’altra minidiva formato Disney.

    Parlo di Selena Gomez, la ventenne cantante attrice de «I maghi di Waverly» che è arrivata a Venezia in versione sexy criminale (con remore religiose, nel senso che lei non è proprio disposta a tutto come le sue amiche e quando il gioco si fa troppo pericoloso se ne torna a casa) nell’atteso film di Harmony Korine «Spring Breakers!, dove quattro ragazzine (la Gomez e altre star Disney) si trasformano in killer dai passamontagna rosa che ammazzano spacciatori al ritmo di Britney Spears, così per divertimento. Sesso, droga e nudità in ogni dove per un film molto divertente e intelligente che prende in giro gli stilemi alla MTV e l’immaginario dei teen americani tutti rap e catene d’oro.

    Per la conferenza stampa (affollatissima) erano decine le ragazzine appostate per farsi fare una foto o un autografo, ma la signorina diva niente. Manco un sorriso. Per pietà ha fatto tre striminzite “S” a tre delusissime fan.

    «Io la adoro, è tutto, per fare questo film ha dovuto chiedere al regista come si fa a fumare una sigaretta perché lei non lo sa fare». Mi dicevano mentre aspettavo con loro la Divina in formato minorenne.
    «Ma perché non si ferma con nessuno?»

    Cattiva Selena, loro che vivono nel tuo sogno e credono pure che non ti fumi le sigarette e che vai in chiesa tutti i giorni si meriteranno pure un mezzo ciao col ditino o no? Speriamo nel red carpet che sarà tra un paio d’ore…

    TUTTA UN’ALTRA COSA JAMES FRANCO

    Di tutta altra pasta è il suo compagno di film, il meraviglioso James Franco (regista, attore, scrittore… quanto è favolosamente radical chic). Arrivato ieri in Mostra c’è chi l’ha visto in Sala Darsena per il film italiano «Il gemello» che racconta la situazione delle carceri di Secondigliano. Ai giornalisti neanche una parola, ma con le fan tante foto e qualche risata. Lui sì che è divo vero.

    E POI I GRANDI FILM

    Dulcis in fundo, non dimentichiamo che oggi è  la giornata del film italiano (l’anteprima è in questo momento) più atteso in Mostra: «Bella addormentata» di Marco Bellocchio. Ovazione di 10 minuti in conferenza stampa per un film che non è  la cronaca del caso Eluana Englaro ma una grande riflessione sulla vita, la morte e la speranza.

    Marta Perego