DIARIO DI GRAZIA.IT

ABOUT

Un diario collettivo dove la nostra famiglia di blogger, collaboratori e il network internazionale di Grazia si raccontano.

TWITTER

CONTRIBUTORS

  • Sara Moschini

  • chiara da col

  • Gabriele Verratti

  • Barbara Sallustio

  • Francesca Crippa

  • Sara Reverberi

  • Daniela Losini

  • Michela Marra

  • Grazia.it

  • Grazia International


POST PIÙ LETTI

ARCHIVIO



  • Venezia 69: Winona, dove sei?

  • BY Grazia.it
  • Questa mattina, nonostante la sveglia alle 7 per una diretta di alle 8 e le occhiaie che galoppano sulla mia faccia, mi sono alzata contenta. Ero contenta perché, qui a Venezia, ero convinta di poter vedere una delle mie attrici preferite, Winona Ryder. La ragazza interrotta, la ragazza tagliata dalle mani di forbice, la donna che non ha avuto paura di farsi fotografare con cappellini e chili in più distrutta dalla depressione e dal vizio cleptomane. E che sarebbe arrivata al Lido trionfante protagonista di una delle pellicole più attese del festival, «The Iceman» superthriller su un serial killer realmente esistito, che avrebbe ammazzato centinaia e centinaia di persona per poi congelarle nel frigorifero.

    Intervisto Valerio Mastandrea, che è sempre un piacevole vedere – quando mi guarda negli occhi con lo sguardo da cucciolo radical chic mi fa impazzire – e la sua compagna di film Barbora Bobulova, faccio tutte le mie cosine e poi corro, corro, corro verso la Darsena per fotografare la mia diva. Aspetto: un quarto d’ora, mezz’ora, tre quarti d’ora… ma lei non arriva. Parlo coi fotografi che di solito sanno sempre tutto e che oggi non sanno niente. I cameramen idem.

    Arriva Michael Shannon, protagonista del film (il serial killer) che scopro non essere niente male – osservate la foto. Ma Winona, dove sei?

    Non vedo l’ora del cocktail di questa sera superesclusivo prima del red carpet, magari mi travesto da Kasia Smutniak e provo ad entrare…

    Marta Perego